lunedì 30 luglio 2018

MEDITARE CON I TAROCCHI: A COSA SERVE E COME FARE

MEDITARE CON I TAROCCHI: A COSA SERVE E COME FARE

lunedì 30 luglio 2018



Meditare con i tarocchi è una pratica che sto sperimentando da diversi  ̶m̶e̶s̶i̶ anni e che trovo molto utile sia per approfondire il significato di ogni arcano, attraverso l'esplorazione dei vari simboli presenti in ogni carta, sia per connettersi con l'arcano e con la sua energia e infine per potenziare l'intuito.
Se questa pratica può interessarti e vuoi provare, ecco qualche suggerimento su come fare per meditare con i Tarocchi.

PRENDITI DEL TEMPO E CREA UN AMBIENTE RILASSANTE
Come per ogni pratica meditativa serve un po' di tempo da dedicare a te stessa e non guasta un ambiente accogliente e rilassante.
Scegli quindi un momento della giornata e un luogo o un angolo di casa in cui sai di non essere disturbata. Puoi abbassare le luci, accendere una candela o degli incensi. Se ami la meditazione accompagnata dalla musica puoi mettere su un cd di musica da meditazione.

SCEGLI LA CARTA
Inizia scegliendo la carta con cui meditare, puoi farlo in due modi: mescolando il mazzo ed estraendo una carta qualsiasi, questo è utile quando vuoi entrare più in connessione con il tuo mazzo e approfondire i significati delle varie carte.
Oppure, se hai bisogno di attivare un certo tipo di energia o indagare un particolare argomento puoi scegliere una carta specifica: potrai meditare con il Matto, se hai bisogno di ritrovare un po' di leggerezza nella vita o di intraprendere un cammino evolutivo; con l'Eremita se hai bisogno di rallentare e ritrovare il tuo ritmo; con La Temperanza se vuoi chiedere consigli su come conciliare una situazione di conflitto e così via. Questo modo è molto potente per entrare in contatto con la tua saggezza interiore e farla parlare.

RILASSATI E INIZIA IL TUO VIAGGIO
Una volta scelta la carta, trova una posizione comoda preferibilmente seduta, le spalle dritte ma rilassate. Osserva la carta che hai scelto per il tempo che ritieni necessario, lascia che il tuo sguardo si posi su un particolare che richiama la tua attenzione e continua a fissarlo finché non sentirai la necessità di chiudere gli occhi.
Concentrati sul respiro e ad ogni respiro immagina di scendere sempre di più verso il tuo centro, l'intuito che risiede in te.

DENTRO LA CARTA
Immagina che la carta sia davanti a te, grande come un passaggio da attraversare per entrare in un altro mondo. Fai un passo, ecco sei dentro la carta, tutto è a grandezza naturale.
Presta attenzione a come ti senti: sei rilassata? Preoccupata? Serena? Curiosa? Energizzata?
Guardati intorno: cosa vedi, quali oggetti ci sono? Che significato hanno per te? Come possono esserti utili? Tocca ciò che ti circonda, senti gli odori, annusa l'aria, ascolta i rumori, osserva gli oggetti, il clima e se ci sono dei personaggi. Cosa fanno? Ti parlano? Puoi chiedere loro dei consigli su qualcosa che hai bisogno di chiarire oppure semplicemente ascoltare se hanno qualcosa da dirti.
Oppure potresti essere tu il personaggio o uno dei personaggi della carta: cosa diresti? Quale messaggio daresti?
Sentiti libera di far fluire immagini e intuizioni senza alcun limite. Resta un po' in questa dimensione e quando sentirai di aver concluso il tuo viaggio con quell'arcano ringrazia e torna indietro, esci dalla carta come ne sei entrata, come attraversando una porta.
Rimpicciolisci la carta alle sue normali dimensioni, fai qualche respiro profondo e riapri gli occhi se li avevi chiusi.

SCRIVI
Fermati così per qualche secondo, poi scrivi in un quaderno tutto quello che hai visto, pensato, sentito durante il tuo viaggio dentro l'arcano. Se la risposta ai tuoi dubbi non era già chiara al termine della meditazione, potrebbe emergere durante la scrittura o nei giorni successivi quando rileggerai ciò che hai scritto.

Meditare con i Tarocchi è una pratica davvero unica ed efficacissima per aprire le porte del tuo intuito, entrare in sintonia con il tuo mazzo, chiedere ispirazioni e consigli alla tua saggezza interiore e non delude mai.
Se all'inizio non riesci a visualizzare puoi tranquillamente tenere gli occhi aperti e guardare la carta per tutto il tempo, l'importante è lasciar fluire le tue intuizioni molto liberamente e senza giudizio.

lunedì 23 luglio 2018

COLTIVARE LA PAZIENZA

COLTIVARE LA PAZIENZA

lunedì 23 luglio 2018



Nelle scorse settimane ho parlato molto di saper cambiare prospettiva, di pause e di come usarle proprio a questo scopo: allontanarsi dalla frenesia quotidiana e dai problemi impellenti, per assumere su di essi uno sguardo più distaccato e meno influenzato dalla fretta di fare e dall'impazienza di risolvere o di ottenere tutto e subito.
E qui entra in gioco una facoltà molto importante, seppure spesso denigrata: la pazienza.

lunedì 16 luglio 2018

IL TEMPO SACRO DEL RIPOSO

IL TEMPO SACRO DEL RIPOSO

lunedì 16 luglio 2018



Nelle scorse settimane, l'arcano XII dei Tarocchi, L'Appeso, mi ha ispirato molto nel parlare di capovolgimenti di vedute e di pause. I due argomenti non sono scollegati in realtà. Prendersi una pausa è la scelta migliore quando abbiamo bisogno di cambiare la prospettiva sulle cose, di assumere uno sguardo più consapevole e distaccato su una situazione, di riflettere prima di fare una scelta o prendere una decisione per capire se ci sono delle angolazioni diverse da cui considerare i pro e i contro.

lunedì 9 luglio 2018

METTI LE PAUSE IN AGENDA

METTI LE PAUSE IN AGENDA

lunedì 9 luglio 2018



Uno dei buoni propositi che mi sono posta questo mese, e per i mesi a venire, è quello di concedermi più spesso delle pause e di vivere più serenamente il mio tempo libero.
Ho un rapporto piuttosto strano con il concetto stesso di tempo libero: poco o tanto che sia, mi sembra sempre di non essermelo meritato abbastanza e mi capita di pensare che potrei impiegare quel tempo lavorando o facendo qualcosa di più utile.
Se ti rivedi in questo atteggiamento, se anche tu eviti accuratamente di riservarti del tempo libero, crei to-do list infinite pur di non averne, rifuggi lo svago come la peste, questo post potrebbe esserti molto utile.

lunedì 2 luglio 2018

CAMBIARE PROSPETTIVA SI PUÒ, ECCO COME FARE LA MAGIA

CAMBIARE PROSPETTIVA SI PUÒ, ECCO COME FARE LA MAGIA

lunedì 2 luglio 2018



Si sente spesso parlare di saper cambiare la prospettiva sulle cose, ma cosa significa e soprattutto, cosa comporta e come diventare bravi a cambiare prospettiva può migliorare la nostra vita?

La prospettiva, lo dice la stessa etimologia di questa parola (“Forma femminile sostantivata di "prospettivo", derivante a sua volta dal latino tardo "prospectivus", "che assicura la vista". Nel campo degli studi ottici medievali la perspectiva indicava l'ottica stessa - perspectiva naturalis - intesa come percezione visiva”. Da Wikipedia) ha a che fare con il modo in cui guardiamo la realtà, il punto di vista da cui la guardiamo, la nostra ottica.
La prospettiva di cui mi interessa parlare in questo post, è quella che riguarda la nostra visione delle cose intesa come il modo in cui percepiamo, giudichiamo e viviamo gli eventi della nostra vita classificandoli come positivi o negativi.