lunedì 18 marzo 2019

ESPLORA IL TUO LATO OSCURO CON I TAROCCHI

ESPLORA IL TUO LATO OSCURO CON I TAROCCHI

lunedì 18 marzo 2019


Se hai letto il post della scorsa settimana, saprai già che questa settimana ci riserverà un periodo particolarmente magico: Ostara (equinozio di primavera) e Luna piena praticamente coincideranno.
Per l'esattezza avremo: equinozio di primavera il 20 marzo alle 22,58 e Luna piena il 21 marzo alle 02,43.

EQUINOZIO: SIMBOLO DELLA DUALITÀ UMANA
L'equinozio è il momento dell'anno in cui luce e oscurità hanno la stessa identica durata: le ore di luce sono uguali a quelle di buio. 
Questo equilibrio fra ombra e luce rimanda in modo particolare a un importante aspetto della natura umana, la sua dualità: la presenza in ognuno di noi di un lato luminoso e di un lato oscuro, che molto spesso viene negato e represso. L'energia degli equinozi simboleggia perfettamente il dualismo dell'essere umano, questa convivenza di ombra e luce.

Ma cos'è il lato oscuro?
Jung ha definito il lato oscuro, o lato ombra, affermando che esso contiene tutte quelle parti del nostro essere che tendiamo a nascondere o negare. Comprende quegli aspetti “oscuri” (modi di essere, sentimenti, pensieri e azioni) che qualifichiamo come negativi e deplorevoli, che non riteniamo accettabili da parte della nostra famiglia, degli amici, della società e soprattutto di noi stessi.
Ma attenzione: con questo egli non riteneva affatto che l’Ombra fosse qualcosa da “curare” ma  che, al contrario, fosse una parte naturale di noi stessi che, se riconosciuta e integrata, può rivelarsi una risorsa importantissima per la nostra evoluzione.

Se ci pensi, in effetti, è proprio così a livello cosmico: ogni cosa ha il suo contrario, ogni luce ha la sua ombra, ogni situazione che giudichi positiva ha i suoi risvolti negativi e, viceversa, ogni situazione che percepisci come negativa nasconde sempre dei risvolti positivi, ogni sentimento ha il suo opposto.
È un fenomeno del tutto naturale, alla stessa stregua di un corpo che, illuminato da un lato, proietta  la sua ombra sulla superficie opposta.
Partire da questo presupposto e cioè che il lato ombra è parte di noi e che è qualcosa di assolutamente normale, è fondamentale per la sua integrazione.
Ognuno di noi prova emozioni e mette in atto dei comportamenti in relazione ad esse: anche le emozioni più spiacevoli sono la linfa della vita. 

«Immagina una sinfonia fatta solo di musica morbida e lirica senza neanche un crescendo, o un film dove tutti sono felici e pacifici per l’intera durata della storia. Sarebbe una noia! Sono le emozioni (tristezza, esaltazione, paura, gioia, dolore, passione e senso di avventura) che ci permettono di vivere la vita in tutta la sua pienezza e ricchezza. Se valorizziamo alcune di queste emozioni ma ne reprimiamo o rinneghiamo altre, non siamo equilibrati né completi.». Denise Linn

Pensa ad esempio a quelle persone che reprimono la rabbia: dentro di loro si agita una tensione che mette a disagio chiunque stia loro vicino. 
Succede perché ogni tentativo di esaltare solo i nostri aspetti positivi dando loro maggiore luce, non fa altro che proiettare un'ombra ancora più grande sul palcoscenico della nostra vita.
Molto spesso l'atteggiamento ricorrente riguardo al lato ombra è quello della negazione: crediamo che additandolo, il male possa diminuire, ma accade il contrario, perché quanta più luce ci convinciamo di emanare, tanta più Ombra proietteremo.
Quando voltiamo le spalle a qualcosa che comunque è in noi e fa parte della nostra personalità, quel qualcosa diventerà sempre più forte e tenderà ad emergere appena possibile, appena per qualche ragione abbassiamo la guardia e allentiamo il controllo: situazioni di stress, di contrasto con qualcuno; in periodi particolarmente faticosi, di scarsa energia, quando le nostre difese si abbassano, quando ci sentiamo particolarmente vulnerabili, quando riceviamo una delusione o una critica e via dicendo.
Quando invece accogliamo e comprendiamo tutte le tue emozioni che si agitano in noi con rispetto, abbiamo modo di ricomporre la nostra interezza e conquistare una profonda pace interiore. Riconoscere e abbracciare il lato ombra ci fa sentire completi, autentici ed equilibrati poiché ogni parte di noi viene riconosciuta e integrata nella nostra vita.

L'ENERGIA DI INTEREZZA DELLA LUNA PIENA
Dal canto suo, l'energia della Luna piena esprime proprio questa completezza, la chiarezza e la luce e richiama il nostro lato più luminoso. Questa energia può aiutarci ad illuminare il nostro lato oscuro, a comprenderlo, abbracciarlo, integrarlo per raggiungere quel senso di interezza di cui ho scritto sopra e per trasformarlo in una potentissima fonte di forza interiore.


IL RUOLO DEI TAROCCHI
Come ho detto tante volte, i Tarocchi, se usati in prospettiva analitica e introspettiva, possono essere davvero un ottimo strumento di autoanalisi; lo stesso Jung approfondì lo studio dei Tarocchi come archetipi. Gli archetipi junghiani sono presenti negli Arcani maggiori dei Tarocchi, rendendo questo strumento un partner perfetto per un lavoro sul proprio lato oscuro, come su altri aspetti dell'esistenza umana.
La stesura che ti propongo oggi, può aiutarti a capire la natura dei tuoi aspetti ombra e come poter lavorare al meglio con essi.
La tempistica è tutto: per trarre il massimo beneficio da questa lettura, ti consiglio di approfittare delle energie cosmiche a disposizione, quelle appunto dell'equinozio e della Luna piena che ti aiuteranno da un lato ad accettare e perfino apprezzare che siamo fatti di luci e ombre (e va bene così) e dall'altro a fare luce su un aspetto ombra che ora richiede la tua attenzione.

Ecco lo schema di stesura e ricorda: come dall'equinozio in avanti la luce inizia ad aumentare e la natura a rifiorire, potrai farlo anche tu, ma solo dopo esserti addentrata nell'ombra, per rinascere più consapevole, equilibrata e completa.


Se deciderai di provare questa stesura, ti aspetto poi nel gruppo Tarocchi e consapevolezza per commentarla insieme e ti anticipo già che non finisce qui ;-)
Felice Ostara!

lunedì 11 marzo 2019

ESBAT E SABBA: COSA SONO E PERCHÉ NON C'È DA AVER PAURA

ESBAT E SABBA: COSA SONO E PERCHÉ NON C'È DA AVER PAURA

lunedì 11 marzo 2019



Tranquilla, siediti, rilassati e scaccia via dalla mente fosche immagini di donne seminude e spiritate che danzano intorno a un falò di notte, incitate da un caprone. Contrariamente a quanto spesso si crede, i Sabba non sono affatto sinistri rituali in cui il maligno regna indiscusso, la somma manifestazione del male, tutt'altro!
Sia gli Esbat che i Sabba, sono delle celebrazioni di tradizione pagana e neopagana, ispirate alla natura e legate, in particolare, alle sue manifestazioni cicliche. Non c'è nulla di demoniaco in questo: le festività pagane non sono in alcun modo legate al maligno, ma sono parte di un sistema di pratiche e di credenze fondato sulla gioia e su un senso immanente del divino.
Sono legate al ritmo della Natura, alla connessione con le sue energie per lavorare in armonia con i suoi cicli e alla possibilità di trarre grandi insegnamenti dalle sue manifestazioni.
Dunque nulla di cupo, fosco e pericoloso, come si tende a credere, ma solo profonda connessione con l'Universo, la Natura e il Divino che ci circonda e che è in noi.
Gli Esbat celebrano la Luna e scandiscono il suo viaggio mensile attraverso il cielo. Gli otto Sabba, invece, sono legati alle stagioni e alla loro rotazione annuale.
Vuoi saperne di più? Eccoti accontentata.

ESBAT
Esbat è un termine che indica una ricorrenza minore, ma non bisogna farsi ingannare dal concetto di “minore”: è un po' come festeggiare un nuovo lavoro, un aumento di stipendio o qualche altro favoloso avvenimento. Merita decisamente una festa, ma non richiede tutti gli accorgimenti che di solito si dedicano alle festività più importanti.
Per la precisione gli Esbat sono dedicati alla Luna e alle sue fasi. C'è chi celebra tutte le fasi lunari, anche con piccoli rituali; c'è chi invece preferisce farlo soltanto per la Luna piena, quando il nostro satellite è al suo massimo splendore e le sue energie magiche sono più potenti che in qualsiasi altro periodo del mese. Quindi non solo si onora la pienezza della Luna, ma si raccoglie la sua energia per manifestare i propri desideri, obiettivi o propositi.
La celebrazione della Luna piena può assumere varie forme, ma di solito comprende l'uso di abiti e candele di determinati colori, la creazione di un altare a tema e piccoli gesti simbolici e propiziatori.
Il tema delle celebrazioni e degli altari, i colori di abiti e candele e i piccoli rituali variano in base a quale luna si festeggia. Ogni mese ha una luna diversa, ogni luna ha un nome, caratteristiche, energie e temi specifici. Questo mese, ad esempio, abbiamo la Luna della Semina; ad aprile sarà la volta della Luna della Lepre e così via.

SABBA
Anche gli otto Sabba – Samhain, Yule, Imbolc, Ostara, Beltane, Litha, Lammas e Mabon - sono delle festività di origine pagana, in cui vengono celebrati momenti importanti in natura legati all'alternarsi delle stagioni: i solstizi, gli equinozi e altre ricorrenze legate all'agricoltura e al ciclo produttivo della Terra.
Celebrando i Sabba, è più facile entrare in sintonia con la Natura e con il suo ritmo; si crea un equilibrio tra il mondo dello spirito e quello fisico; si vive più profondamente e consapevolmente il presente e ci si rende capaci di apprezzarne i doni.
Celebrare i Sabba è quindi uno dei mezzi più potenti per collegarsi ai cicli del Sole e della Terra, per coltivare la nostra spiritualità e la dimensione magica della vita e per scoprire il ritmo e il significato spirituale della nostra stessa esistenza.
Ognuno degli otto Sabba ha diverse tradizioni, con mille sfumature in base alla zona in cui vengono celebrati; ognuno ha un significato profondo nella vita dell'essere umano e ognuno può adattarsi ai tempo moderni.
Anche se ogni Sabba è unico, tutte le celebrazioni hanno elementi in comune: l'uso di  incensi, la purificazione con un bagno rituale o con il fumo della salvia bianca, la creazione di un altare con elementi di stagione, offerte alle divinità, racconti, invocazioni e ringraziamenti.

Se vuoi iniziare a celebrare ogni mese gli Esbat e i Sabba in modo semplice per entrare in sintonia con il ciclo della Natura e coglierne i doni, puoi iscriverti alla Magic Letter: ogni mese troverai un PDF da scaricare, il Magic book, in cui ti parlo delle lune e delle festività del mese con spunti e suggerimenti su come celebrarle e stesure di Tarocchi a tema.
Nel Magik book di marzo ti parlo di Ostara (equinozio di primavera) che si festeggia fra il 20 e il 21 marzo e della Luna della semina che sarà piena il 21 marzo. Grande magia quindi questo mese: occhio al giorno 21 in cui equinozio e luna piena coincidono.
Se vuoi celebrarlo come si deve, scarica subito il Magic book di marzo!