12 Novembre 2018

SOGNARE COME PAZZI

Perché viene un giorno
che a guardarlo passare
sembra il giorno di un altro
e di un altro la vita da fare
e di un altro la voce
e anche l’ombra sui muri
e questi fiori d’inverno
che ho preso
per te

(Ascoltala QUI prima di leggere il post)

Così cantava il grande Gianmaria Testa, uno dei cantautori che amo di più, a tutti quelli che hanno perso o negato i loro sogni. E se qualche sogno lo hai perso anche tu, se ne stai ignorando qualcuno, forse è proprio così che ti senti alle volte: a vivere la vita di un altro, a non riconoscerti... Quanto è importante un sogno per te?
Molti sminuiscono i sogni e i sognatori, ne parlano come dei pazzi, persone poco concrete, inconcludenti e con la testa fra le nuvole, ma credimi se ti dico che non c'è nulla di più folle che smettere di sognare.

Il folle è dentro ognuno di noi ed è la parte di noi che crede nelle possibilità, che è pronta a buttarsi a capofitto nel sentiero che ha scelto, che non ha paura di volare, che ha fiducia nell'Universo e nel fatto che se salterà, gli spunteranno le ali.

Il folle è il nostro bambino interiore, il nostro genio creativo che ci permette di essere dei visionari e, attraverso quella visione, creare la vita che più ci rispecchia. Naturalmente poi vanno messi in campo spirito pratico, volontà e un piano d'azione ben strutturato, ma prima c'è la visione.
E si, la follia è un potere, il potere di sognare ed ecco perché sogno e follia sono due lati della stessa medaglia: se ti lasci fregare dalla paura e abbandoni la tua follia per rientrare in presunti canoni di normalità e risultare accettabile al mondo, pian piano anche la tua capacità di sognare abbandonerà te.

Troppo spesso succede, invece, che molte persone, soprattutto le donne, sopraffatte dalla vita, perdono completamente il contatto con i loro sogni o continuano a negarli, finendo per non sapere più cosa desiderano veramente per se stesse, quali obiettivi intendono perseguire, cosa le rende davvero felici, cosa le realizza, cosa le corrisponde e riempie il loro cuore.
Se anche tu ti senti così, sappi che questo non è buono per la tua anima: per ogni sogno accantonato e dimenticato, lei perde un piccolo pezzo di sé... ecco perché è importante recuperarli, riconnettersi con loro, perché ogni sogno è vita, ogni sogno è un sasso che metti nella tasca della tua anima e che le permette di non volare via, lontano da te.

Adesso è il momento di rimetterti quei sassi nella tasca, non attendere. Novembre ha una magia tutta sua, è un mese in cui, complice il clima e il fatto che si sta più in casa e con se stessi, si cominciano a coltivare i sogni per l'anno che verrà. È il momento in cui questi sogni iniziano ad attaccarsi alle pareti del tuo cuore per poi scendere, fare il giro nella pancia e farti sentire le farfalle perché lì, come le farfalle, si trasformano in desideri; e infine risalire su fino alla testa dove diventano obiettivi.

Spesso però, come ti dicevo, lungo il percorso, i sogni si possono perdere per strada. Perché sono delicati i sogni, spesso fragili, leggeri, timidi, puri, innocenti e non sanno difendersi dalle minacce esterne: la vita che incalza, i doveri, poco tempo per sé, i pensieri limitanti, i condizionamenti sociali, l'educazione, le critiche, i consigli non richiesti, le battutine sarcastiche, la paura di non farcela... Basta poco per farli impaurire ritirare in qualche posto sperduto dentro di te, difficilissimo da ritrovare.
Molti questo posto lo chiamano cassetto, ma io lo so che non è proprio un cassetto: è una parte della nostra testa dove soffia un forte vento e i sogni svolazzano li come piume leggere in balia dell'aria, forse per sempre.
Ma sai cosa ti dico? Se hai perso anche tu qualche sogno nel vento e ti piacerebbe tanto recuperarlo, se a volte anche tu ti senti di vivere il giorno di un altro, la vita di un altro, se ti capita di non riconoscere la tua voce e anche l'ombra sui muri, io una soluzione ce l'ho ed è L'Acchiappasogni.

L'acchiappasogni lo conoscono tutti, chi non ne ha mai avuto uno in casa? È un cerchio con una rete che, secondo le leggende degli indiani d’America, serve a catturare i sogni brutti e a lasciar passare soltanto quelli belli. 
Proprio come la rete fa coi pesci, lui pesca nel mare della notte e dell'anima ed è in grado riconoscere i sogni buoni da quelli cattivi, quelli utili da quelli inutili. 
Il cerchio è fatto con un rametto di un legno molto duttile e rappresenta l’Universo, l’intreccio della rete trattiene i sogni: se sono sogni belli li affida al filo delle perline, quello della natura e il sogno si avvererà, mentre se è un sogno brutto verrà affidato alle piume che lo faranno volare via, disperdendolo nei cieli.

Allo stesso modo, l'Acchiappasogni che ho creato per te è come una rete per riacciuffare i tuoi sogni persi nel vento e filtrare quelli migliori, quelli che vorrai impegnarti a realizzare nell'anno che verrà.
L'Acchiappasogni è un percorso guidato (gratuito), fra coaching, intuito e magia, che ti porterà a decidere quali sogni vuoi realizzare nell'anno nuovo e saranno solo sogni autentici.

Se deciderai di affidarti a lui, a partire dalla prossima luna piena, il 23 novembre, riceverai una mail al giorno, per 6 giorni, in cui troverai una guida sui passi da compiere, per trovare quei sogni. E alla fine del percorso, un invito speciale.
Insomma, non te lo puoi assolutamente perdere: sii folle, segui la tua strada, riprenditi i tuoi sogni e corri a iscriverti usando il tasto qui sotto!

  • Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Correlati

Manuela Angelini

Lettrice e insegnate di Tarocchi

scopri di più

Categorie

Categorie

Cerca

Sono Manuela Angelini e mi occupo di Tarocchi e consapevolezza.

© 2021 Manuela Angelini Tarot Mentor | P.iva 02425450448 | Privacy Policy | Termini e condizioni | Web Miel Café Design | Photo Daniela Katia Lefosse
cartcrossmenu