BILANCIO DI UN ANNO MAGICO

L'altra mattina mentre ero in fila al supermercato ho sentito la signora dietro di me che parlando con un'altra diceva qualcosa come: Non ci posso credere, è già finito l'anno, ma che fine ha fatto questo anno? e non ho potuto fare a meno di chiedermi se veramente avesse permesso che un intero anno trascorresse senza viverlo realmente o dare senso al suo presente.
Poi riflettendo, ho dovuto ammettere che in passato è capitato anche a me. Di alcuni periodi della mia vita, di alcuni anni non ho ricordi particolari e, ripensandoci oggi, mi chiedo anch'io: ma che fine ha fatto quell'anno? Come l'ho passato, cosa mi ha insegnato?
E nel tentativo di rispondere faccio difficoltà.
Oggi posso avere la certezza che questo non mi accadrà più: aver incontrato i Tarocchi e averli accolti nella mia vita come canale verso il mio intuito e la mia saggezza interiore e come strumento per dare profondità ai miei giorni, è stato il più bel dono degli ultimi tempi.
Anzi, forse solo dopo averli integrati nella mia quotidianità sono riuscita a vivere davvero il qui e ora e a tenere traccia di ogni momento importante e dell'andamento di ogni mese, senza perdermi niente per strada.

Attraverso i Tarocchi ho trovato il mio modo di dare spessore al presente e vivere intensamente. La mia anima li aspettava.

Sono loro il mio segreto, sono stati la lanterna che mi ha guidato, rendendo il 2018 un anno magico (Magia era la mia parola dell'anno): l'anno della rinascita, del cambiamento e della presa di coscienza di quanto potere avevo a disposizione e stavo sprecando.

Alla fine del 2017 ho fatto la mia Ruota dell'anno: un arcano maggiore per ogni mese.
Ogni mese ho accolto quella energia nella mia vita e ho lavorato alla mia crescita personale, alla mia consapevolezza e alla mia ricerca di senso attraverso le ispirazioni dell'arcano. È stato un viaggio interiore stupendo, magico, commuovente, miracoloso: il viaggio più importante della mia vita.
E la cosa più incredibile è stata che mentre mi perdevo ogni giorno di più in quel viaggio e in me stessa, diventavo più presente che mai, più attiva che mai, più determinata e lucida che mai.

Questo è il mio bilancio del 2018, quello che sono riuscita a realizzare perché ero consapevole dell'energia che potevo sfruttare grazie alla Ruota dell'anno (un arcano per ogni mese = un'energia per ogni mese):

  • ho avviato la mia attività on line: da gennaio, quando l'energia dell'Imperatrice mi ha portato creatività, coraggio e mente in fermento;
  • ho fatto decluttering di situazioni ormai pesanti e non più adatte a me specialmente a livello lavorativo, materiale e relazionale: a febbraio quando avevo l'Arcano XIII re dei tagli al superfluo;
  • ho cambiato casa e ho creato uno studio tutto mio che adoro: l'ho fatto ad aprile grazie all'energia della Torre che corrisponde, fra l'altro, proprio alle mura della casa e alle grandi rivoluzioni;
  • ho fatto attività fisica e allenamento con costanza riprendendo ad allenarmi sempre ad aprile con La Torre che mi ha insegnato che la casa è anche il mio corpo e poi ancora a maggio con L'Innamorato che mi ha fatto capire che prima di tutto bisogna amare se stessi e curarsi;
  • ho creato il mio nuovo sito a ottobre con l'energia de L'Imperatore che ha dato più stabilità e concretezza al mio lavoro quotidiano;
  • ho scritto con costanza sul blog pubblicando un post tutti i lunedì senza restare mai a corto di idee: a questo hanno contribuito tutti i 12 arcani che ogni mese mi suggerivano uno o più argomenti da trattare;
  • con la stessa costanza ho curato la newsletter e anche qui, allo stesso modo, tutti gli arcani hanno fatto il loro lavoro: ispirazioni, spunti, suggerimenti, aneddoti idee di ogni genere e a profusione;
  • ho smesso di fumare! È si, poco ma fino all'anno scorso fumavo e grazie al mio arcano dell'anno, La Temperanza legato alla cura del corpo e alla guarigione, sono riuscita a smettere in modo del tutto naturale;
  • ho realizzato il mio più grande desiderio, la nuova edizione di Sarà l'anno per condividere tutto quello che ho imparato in questo anno meraviglioso e sai quali energie mi hanno sostenuto e mi stanno sostenendo in questo? A novembre, quella del Matto (sognare come pazzi) e a dicembre, quella  della Stella, la cui forza è proprio la capacità realizzativa, le grandi visioni che prendono forma!

È tanta roba, vero? Ma la cosa più incredibile è che, nonostante possa dire di aver realizzato moltissime cose di cui sono orgogliosa, il dono più grande che il 2018 mi ha fatto, che mi sono fatta è stato perdermi nel viaggio interiore di questo anno, ogni mese esplorando la mia energia e le mie possibilità.
Perdersi significa dimenticare la meta e viverti il cammino, con tutto quello che ti permette di incontrare, conoscere e sperimentare. Perdersi significa non pensare più a dove vuoi arrivare ma apprezzare ciò che di prezioso l'oggi ti dona. Perdersi significa non ragionare più in termini di risultato ma di evoluzione. Perdersi significa abbandonare la strada che fanno tutti, per cercare la tua. Perdersi significa alzare le antenne, aguzzare la vista, annusare l'aria, ascoltare il vento, abbracciare la terra. Perdersi significa sentire. Perdersi significa tornare a te. Finalmente. 

E quando ho lasciato che mi perdessi, allora ho trovato la strada, allora ho trovato la forza, la determinazione, l'energia e la costanza per realizzare tutto quello che desideravo. È quando ho abbandonato il controllo e mi sono affidata, che i miei desideri autentici si sono palesati e io li ho accolti giorno dopo giorno e messi al mondo, con grande naturalezza.

Prima di realizzare qualsiasi obiettivo, prima di pensare al prossimo desiderio è necessario perdersi in un viaggio dentro se stessi e poi tutto accade: tutto quello che una volta ci sembrava difficile, faticoso, impossibile... accade. Bisogna togliere il pilota automatico re-imparare a sentire.

LA RUOTA DELL'ANNO
Come ti dicevo, io sono riuscita a farlo insieme ai Tarocchi e, in particolare, lavorando alla Ruota dell'anno. Se vuoi provarla anche tu ecco come si fa: mescola il mazzo degli Arcani maggiori ed estrai una carta per ogni mese disponendoli a ruota + 1 al centro che rappresenta il tuo tema annuale.
Per non dimenticarla in un cassetto nei mesi successivi, scatta una bella foto e ogni mese lavoraci come ti ho spiegato qui.

Se vuoi che sia io ad accompagnarti nella creazione della tua Ruota dell'anno e nel lavoro che puoi fare con lei, dai un'occhiata a Sarà l'anno, la stesura personalizzata di Tarocchi e Carte oracolo che mi ha permesso di fare del 2018 il mio anno magico. La trovi qui.

Ma prima di proiettarti al futuro, saluta come si deve questo anno ringraziandolo per ciò che ti ha donato. Fai un bilancio del 2018: soffermati sui tuoi traguardi per festeggiarli, ma anche su ciò che non ha più senso di esistere o continuare nella tua vita per lasciarlo andare.

Noi ci leggiamo lunedì prossimo, anche se è la vigilia di Natale, con un post in cui ti regalerò un elenco di rituali, pratiche magiche e una stesura da fare per finire l'anno col botto e propiziare meraviglie per il 2019. Ti aspetto 😉

PS: A proposito di perdersi nel viaggio, ho riletto questo post di inizio anno, non lo trovi incredibile?

  • Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Correlati

Manuela Angelini

Lettrice e insegnate di Tarocchi

scopri di più

Categorie

Categorie

Cerca

Sono Manuela Angelini e mi occupo di Tarocchi e consapevolezza.

© 2021 Manuela Angelini Tarot Mentor | P.iva 02425450448 | Privacy Policy | Termini e condizioni | Web Miel Café Design | Photo Daniela Katia Lefosse
cartcrossmenu